Capello: “I bianconeri hanno fatto il vuoto, spero che possano fare bene anche in Champions. Allegri ha dato qualcosa in più e ora la Juve è una squadra pericolosa per tutti in Europa”

1

1819593-capello
Fabio Capello ha parlato alla trasmissione di Radio 1 Radio anch’io sport ecco le sue dichiarazioni riportate dal sito TuttoJuve.com: “Il campionato italiano è migliorato in questa stagione, c’è attenzione a livello tecnico-tattico e non solo. La Juventus ha fatto il vuoto alle proprie spalle, spero che i bianconeri possano fare bene anche in Champions. Sarà difficile batterla in Italia, Allegri ha detto bene: anche le altre squadre devono temere la Juve. I bianconeri hanno raggiunto una buona maturità, Allegri ha dato qualcosa in più e ora la Juve è una squadra pericolosa per tutti in Europa. Può passare il turno, gli mancherà Pogba e questo può rappresentare un handicap. Ho fatto cinque anni alla Roma, questo che sta accadendo dimostra la difficoltà di vincere in giallorosso. Roma è una piazza fantastica, ma ti porta alle stelle e poi nella polvere nel giro di una settimana. Ho vinto uno scudetto in giallorosso, superando 6-7 squadre di alto livello. Adesso invece la Juve vince gli scudetti con tanti punti di vantaggio. Non conosco la situazione bianconera all’interno, so solo che quando presi il Milan c’era stata una differenza di vedute su qualche calciatore tra Sacchi e Berlusconi. Arrigo voleva la cessione di qualche elemento poiché poco motivato, c’è una certa analogia tra le due situazioni. Bisogna tuttavia avere rispetto per il grande lavoro di Sacchi e Conte”.

Nazionali: “Fare il ct è un’altra cosa rispetto a fare l’allenatore di club, non si riesce a dare alla squadra la mentalità e la voglia di fare in quanto non si lavora insieme tutti i giorni. Sugli stranieri in Russia c’è un regolamento che vede per obbligo la presenza di quattro russi in campo, ci sono stranieri di discreto livello e non di alto livello. Questi migliorano il campionato, ora in Italia i migliori vanno via. Io ho pochi russi che giocano all’estero. Abbiamo bisogno di vincere contro il Montenegro, abbiamo commesso l’errore di pareggiare contro la Moldova. Ci mancano quei due punti che ci porterebbero al secondo posto nel girone, abbiamo fatto bene anche contro Svezia e Austria. Abbiamo una discreta Nazionale giovanile, non abbiamo giovani che giocano in grandi squadre. In Inghilterra ho lanciato 12 calciatori al di sotto dei 20 anni, qui non ci sono riuscito. Questo è un po’ il problema della Russia, mancano giovani e manca il coraggio da parte degli allenatori di lanciarli. Ora la tendenza è un po’ cambiata, prossimamente metterò in campo alcuni giovani talenti. Le società hanno il cartellino dei calciatori e pagano importanti ingaggi, la Nazionale diventa importante solo agli Europei e ai Mondiali. Ci si ricorda di essere italiani quando le cose vanno bene, poi tutti criticano se le cose non vanno bene”.

Milan e crisi milanesi: “Non ha continuità, è una squadra che gioca a sprazzi. Forse non ha leader o dei calciatori che prendano in mano la situazione. A livello tecnico ha qualcosa in meno delle prime della classe. Forse ci sono problemi anche di programmazione. Io ci sono passato, lasciando il Real Madrid tornai al Milan perché devo tutto a Berlusconi. Quando tornai mi trovai alcuni calciatori che due anni prima erano valutati discreti, infatti arrivammo quasi a metà classifica”.

Lazio “Gioca benissimo, ha qualità ed è una squadra compatta. I calciatori fanno la differenza negli ultimi 20-25 metri, ci sono poche squadre con la velocità dei biancocelesti”.

Potrebbe piacerti anche Altri di autore

1 Commento

  1. ENZOJUVE78 dice

    GRANDE MISTER CAPELLO DA GRANDE TIFOSO JUVENTINO UNO DEI MIGLIORI ALLENATORI CHE CI SIANO A LIVELLO MONDIALE FORZA JUVE SEMPRE!!!!!!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.